Archivi tag: musica a scuola primaria

5 Semplici schede per impostare le note musicali

In questi nuovi appuntamenti con l’ora di musica a scuola primaria iniziamo ad impostare le prime note musicali.

Iniziamo spiegando ai nostri piccoli allievi che  le note sono dei “pallini” e si disegnano in delle posizioni particolari sul rigo musicale : hanno una loro “altezza” specifica e possono essere disegnate sotto al rigo, sopra oppure attraversate al centro dal rigo stesso.

Le note si disegnano sulle righe o tra le righe  (detti spazi) del pentagramma ma non faremo subito un’analisi di tutte le note e della loro posizione sui righi perché lo costruiremo in maniera  semplice e progressiva.

Partiremo dalle note della scala musicale utilizzando quindi solo il primo rigo inferiore del pentagramma per poi aggiungere progressivamente le linee superiori/parallele finché non avremo completato la scala musicale e quindi anche la posizione esatta di tutte le note sul pentagramma. (continua…) Continua a leggere

Suoniamo anche senza strumento: 3 video spartiti facili


Se a scuola non abbiamo la possibilità di utilizzare uno strumento musicale didattico utilizziamo per l’ora di musica il nostro corpo ed oggetti di uso comune. Qui ti spiego come iniziare con un’esperienza molto pratica e diretta!

Innanzitutto spieghiamo che la musica è composta di due elementi fondamenti: il ritmo e la melodia.

Le note, per il momento, durano tutte UN BATTITO in una sequenza ordinata di pulsazioni.

Troverai nel primo brano proposto dei momenti in cui si suona e dei momenti in cui bisognerà fare delle “pause”.

Le pause avranno la stessa durata delle note e quindi per iniziare imposteremo la contrapposizione di questi due semplici figure musicali in una scansione ordinata sul nostro ritmo proposto.

Vediamo come…

Nell’immagine qui sotto noterai la figura musicale della nota che dura “un battito” e la figura della pausa che dura “un battito” ( ci piace disegnarla come una “zeta” affusolata con una “c” sotto)

Continua a leggere

Con un paio di barattoli, un tubo di cartone ed un battente


E se non abbiamo lo strumento musicale a scuola? Ecco un modo semplice per costruire una base ritmica con la percussione di oggetti di uso comune.

Il movimento è una componente fondamentale della musica ed attraverso la scansione delle pulsazioni riusciremo a creare cellule ritmiche semplici e complesse.

In questo semplice brano, composto da 3 note ed una pausa, useremo per suonare i seguenti oggetti:

  • Bicchiere di plastica rigida
  • Barattolo di latta
  • Barattolo di vetro
  • Rotolino di cartone ( con all’interno della pasta e del riso, maracas autocostruito)

Le note presenti nel brano sono 3: do, mi, sol e pausa da un battito.

Ad ogni nota associamo la percussione di un oggetto proposto…

Ecco il risultato:

Provaci anche tu con i tuoi piccoli allievi… sarà molto divertente!(Continua… a leggere)

Continua a leggere

Ritmo e movimento

Vediamo come presentare il ritmo attraverso l’esecuzione di azioni che scandiscono la misura musicale.

Si può iniziare utilizzando gli stessi nomi dei bambini (Marco, Anna, Giuseppe, …) che vengono pronunciati e sottolineati con il battito delle mani.

Successivamente vengono evidenziati anche gli accenti: accento forte per il battito sul palmo della mano, accento debole per il battito sul polso. Es: Mar-co = battito sul palmo + battito sul polso. Questa attività porta il bambino a prendere coscienza della differenza di intensità tra un colpo forte e un colpo debole (piano).

Continua a leggere

Il senso di ogni cosa, l’amore

Un inno all’amore per qualcuno di veramente importante, che sia un figlio, un amico, un compagno…

Ascoltiamo il senso di ogni cosa – Fabrizio Moro

Il senso di ogni cosa

Fabrizio Moro

La la la la, la la la

Posso fare a meno dei milioni
Tanto portano solo problemi
Ma non posso fare a meno del vino
Non amando troppo gli schemi
Posso fare a meno di un motore
È troppo bello camminare
Posso fare a meno di sapere
Perché spesso preferisco immaginare
Ma che dire, che fare
Quando io, io non posso fare a meno di te
Che sei l’infinito tra i miei desideri, la la

Tu che sei il sogno più grande
Tra i sogni più veri
E questa canzone
Che gira e rigira, la dedico a te
Il mio unico amore
Il senso di ogni cosa che c’è

La la la la, la la la

Posso fare a meno del silenzio
Preferisco comunicare
Posso fare a meno di un partito
Tanto il pane me lo devo guadagnare
Ma che dire, che fare
Quando io, io non posso fare a meno di te
Che sei l’infinito tra i miei desideri, la la

Tu che sei il sogno più grande
Tra i sogni più veri
E questa canzone
Che gira e rigira, la dedico a te
Il mio unico amore
Il senso di ogni cosa per te
Che sei l’infinito tra i miei desideri, la la

Tu che sei il sogno più grande
Tra i sogni più veri
E questa canzone
Che gira e rigira, la dedico a te
Il mio unico amore
Il senso di ogni cosa che c’è

La la la la, la la la

La la la la, la la la

La la la la, la la la

Guida all’ascolto: Lo schiaccianoci – TCaikovskij

Una proposta per la scuola primaria: lo schiaccianoci – celebre composizione di TCaikovskij.

Schiaccianoci e il re dei topi  è un racconto di Hoffmann pubblicato nel 1816. Successivamente entrò a far parte della raccolta I confratelli di Serapione (4 volumi usciti tra il 1819 e il 1821).

Alexandre Dumas padre realizzò una sua versione del racconto e da questa il coreografo Marius Petipa trasse ispirazione per il balletto Lo schiaccianoci, coreografato dal suo assistente Lev Ivanovič Ivanov e musicato da Pëtr Il’ič Čajkovskij  (fonte wikipedia) .

Il balletto è una tra le più popolari composizioni della tradizione russa. Le musiche appartengono infatti alla tradizione romantica e contengono alcuni tra i più memorabili brani: molte sono le melodie utilizzate dalla televisione e dai film… (continua…) Continua a leggere

LE CARATTERISTICHE DEL SUONO: LA DURATA, L’INTENSITÀ, L’ALTEZZA, IL TIMBRO

In questo articolo trovi la sintesi con una serie di esercizi pratici per raffigurare ed interpretare tutte le caratteristiche dei suoni.

1) I PARAMETRI DEL SUONO SUONO LA DURATA, L’INTENSITÀ, L’ALTEZZA, IL TIMBRO

a) LA DURATA
La durata del suono.
– Ascoltare ad occhi chiusi il suono di un triangolo; riaprire gli occhi solo quando non è più possibile sentire il suono.
Continua a leggere

Musica a scuola primaria, come iniziare e con quale strumento?

In questo breve articolo vi racconto la mia esperienza diretta a scuola primaria ed i vari aspetti organizzativi per la gestione del primo e del secondo ciclo, soprattutto per il laboratorio con lo strumentino musicale.

Sicuramente come me avrete già provato decine e decine di libri e metodi pre-confezionati per la scuola primaria… alcuni funzionano, altri no… alcuni sono troppo semplici e non specifici per lo strumento, altri non ti insegnano partendo da zero e danno molti argomenti “per scontato”, ma di scontato non hanno assolutamente niente… (continua…) Continua a leggere

Pratici esercizi per approccio al ritmo e movimento

Dizione ritmata di parole.
Esecuzione di ritmi che propongono l’accentazione principale della misura musicale.

Si può iniziare utilizzando gli stessi nomi dei bambini (Marco, Anna, Giuseppe, …) che vengono pronunciati e sottolineati con il battito delle mani.
Successivamente vengono evidenziati anche gli accenti:
– accento forte: battito sul palmo della mano, Continua a leggere

Giochiamo con i Ritmi : la notazione per i bambini

   torta musicale      La durata dei suoni è convenzionalmente espressa con i numeri frazionari e con dei nomi specifici che rappresentano la durata delle note. Infatti in tutti i libri di teoria musicale solitamente troviamo la seguente tabella di figure musicali :

Continua a leggere

Un canto tradizionale di Natale, con il metallofono

 

Continuano i preparativi per il concerto di Natale con i nostri piccoli allievi della scuola primaria. Oggi proponiamo la canzone numero 10 del Concerto di Natale, la celebre “Astro del Ciel”. La nostra è una versione molto particolare, perché è completamente suonata con i metallofoni sulla base musicale allegata! Se vuoi provarci anche tu, ti basta cliccare sull’immagine, si ingrandisce, si scarica e si stampa 🙂 !!! Per quanto riguarda gli strumenti da utilizzare, noi consigliamo il modello gitre 741 ad 11 note (ha tutte le note per poter eseguire correttamente il brano. Come puoi notare lo spartito è con le note colorate: è il nostro modo per facilitare la lettura e l’apprendimento del brano in maniera semplice e divertente, a completamento dei nostri metodi NOTE A COLORI  .  Continua a leggere

Impariamo a leggere le note con la LIM

Vi presento questo bellissimo applicativo, gratuito e semplicissimo da utilizzare, per imparare a leggere correttamente le note musicali. Se in classe avete la LIM il gioco è ancora più divertente perchè si parte da poche note fino a completare tutte le note sul pentagramma. C’è la funzione di avanzamento di livello (sulla destra) e la funzione di segnalazione di errori (sulla sinistra). Non vi resta che provare! Chi è il più bravo della classe?? Continua a leggere

Scheda: coloriamo le note del metallofono

Un simpatico gioco è quello di far disegnare e successivamente colorare , con il colori giusti, le barrette del nostro metallofono. Dopo che i bambini hanno “giocato” con il piccolo strumento musicale è arrivato il momento di capire Continua a leggere

Schede didattiche – iniziamo con la notazione musicale

In questi nuovi appuntamenti con l’ora di musica a scuola primaria iniziamo ad impostare le prime note musicali. Come spiegato in più occasioni, le note sono dei “pallini” che si disegnano sul rigo musicale ed hanno una loro “altezza” specifica rispetto al rigo musicale.

Le note si disegnano sulle righe o tra le righe 8 (detti spazi) del pentagramma. Quest’ ultimo è formato da 5 linee. Per iniziare ad impostare correttamente le altezze delle note musicali utilizziamo solo la prima linea inferiore del pentagramma.

Iniziamo da 3 note, Do, Re e Mi. Continua a leggere

Progetto “i quattro elementi” attraverso la musica

Lo scorso anno ci siamo divertiti a scuola dell’infanzia a progettare un laboratorio davvero originale… il filo conduttore erano “i quattro elementi”, ovvero acqua, aria, terra e fuoco… e la sfida è stata quella di riuscire ad integrare il percorso didattico delle insegnanti con il mio lavoro da “professionista esterno” con la musica… Beh, devo confidarvi che la sfida è stata vinta… alla grande!!! Continua a leggere

Come impostare gli esercizi preparatori alla lezione di canto con i bambini

Boy-Listening-to-Music7

     Questi semplici esercizi proposti serviranno all’educatore per preparare la voce alla lezione di canto. Infatti attraverso questi semplici e brevi esercizi che sono fondamentalmente dei giochini con onomatopee e fonemi riusciremo ad articolare correttamente tutti i movimenti dell’apparato sonoro dei bambini. Continua a leggere