Come comporre una canzone, professionale!

Vuoi scrivere una canzone? Articolo interessante tratto da wikihow che ti spiega come avvicinarsi alla composizione professionale di una canzone. ☺

Vuoi comporre la tua musica? Sogni di diventare un cantautore? Segui questa guida per iniziare il tuo viaggio nel mondo della musica. Una canzone è (per definizione) un brano musicale inteso per essere cantato, perciò normalmente includerà un testo. Il termine canzone però ha un significato più ampio al giorno d’oggi, perciò questa guida seguirà un approccio altrettanto ampio e illustrerà metodi che possono essere usati per comporre una grande varietà di stili musicali

Metodo 1 di 6:

Iniziare

  1. Immagine titolata Compose a Song Step 1
    1
    Considera lo scopo della canzone.Prima di iniziare a comporre, dovrai chiederti quale sia lo scopo e la tipologia della canzone, e questi aspetti avranno un impatto significativo sul processo di scrittura. Dovresti prepararti di conseguenza.

    • Se scriverai una canzone con un testo, dovrai tenerne conto al momento della composizione. Esistono molti modi diversi per integrare un testo in una canzone. Puoi iniziare con un testo sul quale modellerai la melodia, scrivere il testo dopo aver composto la musica, o provare a scriverli insieme. Il metodo migliore dipenderà dalle tue capacità e dal tuo stile. Dovrai anche considerare lo stile musicale e assicurarti che sia adatto al testo su cui stai lavorando.
    • Se stai scrivendo una musica di sottofondo, una colonna sonora, o un altro tipo di musica strumentale, dovrai anche in questo caso tenerne conto. Pensa al motivo per cui stai componendo e che stato d’animo vuoi trasmettere. Saranno necessari strumenti e stili musicali appropriati per creare l’atmosfera desiderata, perché non potrai usare le parole.
  2. Immagine titolata Compose a Song Step 2
    Considera quali strumenti userai per comporre. Alcune persone riescono a comporre usando solo la loro mente e gli basta canticchiare una parte se devono farsi un’idea di come suoni la loro canzone. Altri, soprattutto quando scrivono un brano che dovrà essere suonato con uno strumento specifico, usano quello stesso strumento in fase di composizione, per provare i suoni prodotti in certe parti. Valuta se avrai bisogno di uno strumento specifico per riuscire a comporre e preparati di conseguenza.

    • Alcuni degli strumenti più comunemente usati dai compositori includono chitarra e pianoforte, anche se altri usano archi o strumenti da banda.
  3. Immagine titolata Compose a Song Step 3
    Considera il tuo metodo di documentazione. Pensa a come scriverai la musica, sia come formato finale sia in corso d’opera. Le persone che conoscono la teoria musicale possono scrivere sugli spartiti, mentre i più inesperti dovranno usare tablature o accordi. Se stai scrivendo solo per te e hai una memoria di ferro, puoi riuscire a non scrivere niente (ma non è consigliato).

Metodo 2 di 6:
Creare una Forma e una Struttura di Base

  1. Crea il motivo di partenza. Prima di iniziare a comporre una canzone, dovrai avere un’idea di base di come dovrebbe suonare. Questo motivo dovrebbe essere l’essenza della canzone e la base su cui scriverai il resto.

    • Un punto di partenza può essere la melodia. Si tratta della linea di base della musica, considerata solitamente la parte cantabile di una canzone. È un motivo sul quale puoi facilmente scrivere un testo e dal quale puoi partire.
    • Un altro metodo è quello di iniziare dalla progressione di accordi. Si tratta di una serie di accordi che dà il senso generale della canzone. Può essere il punto migliore da cui partire se non hai un’idea precisa della melodia o non riesci a comporne una.
  2. Crea un ritornello o un riff. Un ritornello è un verso o una serie versi memorabili in una canzone. La parte che ti rimane impressa in mente. Questa parte orecchiabile di testo e musica è ciò che attira l’attenzione di chi ascolta e che fa ripensare in seguito alla canzone. Un riff serve a uno scopo simile: si tratta di una parte strumentale memorabile e degna di nota che si stacca dal resto della melodia.
  3. Studia la struttura delle canzoni popolari. Se vuoi scrivere una canzone, è importante comprendere la struttura di base che domina la musica popolare. Usare queste forme compositive ti darà un modello utile sul quale costruire la tua canzone, che rispetterà i canoni di ciò che il pubblico vuole sentire. Una canzone troppo fuori dal comune può essere poco gradevole per la maggior parte del pubblico, anche se fosse eseguita alla perfezione.

    • AAA: questo è il termine che indica le canzoni nelle quali ogni strofa è musicalmente identica, ma varia il testo. Anche se non è uno schema comune nella musica di massa, può ancora essere trovato in altre composizioni. Un esempio di questo tipo di struttura è “Amazing Grace”, una canzone tradizionale americana.
    • AABA: questa è considerata la struttura più usata nella musica popolare contemporanea. Si può trovare in molte variazioni e nella maggior parte dei generi. Nella sua forma più semplice, la struttura AABA inizia con due strofe musicalmente simili, e prevede l’interruzione di un ponte (la “B” del termine), prima di concludere con un’altra strofa. Esistono molti esempi di canzoni di questo tipo, ad esempio “Something” dei Beatles.
      • AABABA è probabilmente la variante più comune di questa struttura. È possibile trovare anche le varianti ABAB e ABCD (una forma progressiva che non prevede ripetizioni).
    • Strofa – ritornello: questa forma non è più comune come un tempo, ma molte canzoni della prima metà del ventesimo secolo ne facevano uso. Era ancora molto sfruttata negli anni ’60. In questa forma, la strofa lascia spazio al ritornello, che viene ripetuto molte volte. Un esempio perfetto è “All You Need is Love” dei Beatles.
      • Esistono due varianti principali di questa struttura: semplice e contrastante. Nella forma contrastante, la musica della strofa è diversa da quella del ritornello. Nella forma semplice, ovviamente la musica è la stessa.
      • Esiste una variante ulteriore, definita Strofa – Ritornello – Ponte, che aggiunge due o più battute come piccolo stacco tra i ritornelli. Questo ponte è sempre più breve della strofa, ed è spesso seguito da un cambio di tonalità o di tempo.
  4. Studia la struttura dei brani di musica classica. Per comporre, può esserti utile conoscere le forme utilizzate in quello stile musicale. Puoi usarle come ispirazione per canzoni di nuovi stili, o come base per brani strumentali.

    • Un canone è una forma compositiva nella quale viene suonata un’imitazione o una ripetizione della melodia dopo l’inizio della melodia principale. Fa uso di molte “voci” sovrapposte e riecheggianti per creare un suono unico. Un canone nel quale tutte le voci sono identiche è chiamato round. Un esempio di questo tipo di canzone è “Row, Row, Row Your Boat”.
    • Una sonata ha inizio con l’esposizione, ovvero un’introduzione al tema. Viene poi seguita da una sezione chiamata sviluppo, che esplora il tema del brano. L’ultima sezione viene chiamata ricapitolazione, che fa ritorno al tema (solitamente con un cambio di tonalità) e offre un senso di chiusura.
 Metodo 3 di 6:

Considerazioni sui Generi Musicali

  1. Considera la musica pop e rock. Il genere pop è complesso, perché non si tratta realmente di un genere: con pop si definisce semplicemente la forma di musica predominante al momento. Al giorno d’oggi, la musica pop è influenzata molto dal rock. Per scrivere canzoni che oggi considereremmo pop, dovresti considerare certi aspetti.

    • Forma: le canzoni pop e rock seguono uno schema piuttosto rigido e mettono molta enfasi sul ritornello, che solitamente viene ripetuto molte volte. I ritornelli hanno la tendenza ad essere brevi e orecchiabili.
    • Scelta degli strumenti: molte canzoni pop e rock fanno uso degli stessi strumenti. Ad esempio chitarre (acustiche ed elettriche), basso, batteria e in qualche caso pianoforte. Alcune canzoni pop e rock fanno uso di strumenti ad arco classici di sottofondo per aggiungere un effetto drammatico.
    • Tempo: il tempo associato con la musica rock e pop dipende in gran parte dalle emozioni che la canzone deve trasmettere. Canzoni più tristi o accorate avranno bisogno di un tempo lento, mentre quelle pensate per esaltare il pubblico dovranno essere più veloci.
  2. Considera la musica country e folk. Si tratta di generi che hanno molto in comune e fanno uso di strumenti simili. Chi fa questo tipo di musica dà molta importanza ai concerti dal vivo, alla scena musicale locale, e spesso si limita a un editing di basso livello dei propri brani (preferendo il suono “acustico” a quello artificiale ottenuto in studio).

    • Forma: le forme delle canzoni sono simili a quelle della musica pop, con un largo uso della struttura AABA. La musica folk generalmente fa uso di testi più complessi.
    • Scelta degli strumenti: esistono molti strumenti comuni a entrambi i generi. Viene fatto un uso esteso di chitarre acustiche, dobro, mandolini, bassi, pianoforti e organetti.
    • Tempo. Come nel caso della musica pop e rock, il tempo è determinato in gran parte dall’atmosfera della canzone. La musica country è mediamente scritta con un tempo più veloce della musica folk.
  3. Considera la musica rap e hip-hop.Questi generi sono diversi da quelli precedenti, sia in termini di tempo che di scelta degli strumenti. Le loro forme però variano moltissimo. Assicurati di considerare i seguenti aspetti quando scrivi una canzone di questi generi.

    • Forma: sia il rap che l’hip-hop fanno uso della struttura strofa-ritornello, ma è molto più comune vedere una struttura AAA in questi generi che in altri. L’enfasi è certamente posta sulla strofa, piuttosto che su un eventuale ritornello.
    • Strumenti: entrambi i generi si basano molto sulle percussioni, piuttosto che su strumenti come le chitarre. Naturalmente, l’enfasi viene posta sui metodi digitali per realizzare il sottofondo musicale che deve accompagnare il testo. Vengono usati spesso giradischi, sampler e computer, oltre a sintetizzatori, piatti e batterie.
    • Tempo: il tempo della musica rap e hip-hop è generalmente intorno alle 90-100 battute per minuto. Le canzoni più lente sono considerate generalmente più incentrate sul testo, e sono più comuni nell’hip-hop, mentre quelle più veloci sono migliori per ballare e sono spesso suonate nelle discoteche.
  4. Considera la musica jazz. Si tratta di un genere estremamente complesso da suonare, anche se tecnicamente semplice da scrivere. Il tempo è solitamente lento e la forma può variare moltissimo. Ciò che definisce il genere però è l’utilizzo di chiamata e risposta e dell’improvvisazione. Quando scrivi un brano jazz dovrai lasciare spazio per entrambi questi aspetti.

    • Strumenti: il jazz fa più uso di strumenti a fiato e di ottoni rispetto agli altri generi, e spesso prevede assoli di sax o oboe. Vengono utilizzati anche basso, pianoforte, batteria e chitarra.

Metodo 4 di 6:
Inserire il Testo

  1. Lavora con un paroliere. Il modo più semplice per ottenere il testo per un brano musicale che hai scritto è quello di chiedere aiuto a un paroliere. Puoi chiedere a un amico o assumere un professionista, secondo i tuoi obiettivi. Un paroliere può inserire delle parole nella tua canzone dopo che l’hai scritta, lavorare insieme a te durante la composizione, o consegnarti il testo su cui lavorare prima di iniziare.

    • Assicurati che il suo stile compositivo si sposi bene con la tua canzone. Una persona che scrive canzoni d’amore in stile shakespeariano non sarà in grado di scrivere un ottimo testo heavy metal. Trova qualcuno che comprenda la tua canzone, il tuo stile e le emozioni che trasmette.
  2. Scrivi il testo da solo. Serve la capacità di farlo, ed è molto facile scrivere un testo che suoni smielato, strano o sciocco. Non aver paura di cimentarti e prenditi il tempo che ti serve.

    • Prova a cantare il testo mentre lo scrivi. In questo modo sarai sicuro che scorra naturalmente con la melodia e che non siano presenti strane pause o errori di metrica.
    • Prima di iniziare a scrivere il testo, cerca di capire se vuoi usare parole in rima o meno. Scegliere in anticipo la struttura del testo ti aiuterà molto a scriverlo. Le parole in rima richiederanno il rispetto rigoroso della metrica, un aspetto di cui dovrai tenere conto.
  3. Adatta un testo esistente alla musica.Puoi scegliere le parole di un’opera teatrale, di una poesia, di un discorso o qualunque testo pensi sia adatto a una canzone. Scegli qualcosa che abbia un significato per te! Il tuo pubblico potrà percepire quando esprimerai vere emozioni con la tua musica.

    • Il modo migliore per iniziare ad adattare un testo alla musica è trovare il ritmo naturale delle parole. Fai attenzione a come sono collegate. I discorsi contengono naturalmente pause, enfasi e ritmo. Questo è ciò che li rende reali. Sfrutta il loro ritmo naturale per creare la tua canzone.
    • Se hai dei problemi o vuoi cambiare il tono della tua canzone, prova a dividere le frasi per porre l’enfasi su parole particolari. Questo può aiutarti ad evitare frasi troppo lunghe e ad adattare la melodia al testo che hai scelto.
    • Non dimenticare che puoi sempre omettere parole o frasi per preservare il ritmo della canzone. Se una particolare parola non entra nella metrica e non è necessaria, eliminala o riordina la frase.
 Metodo 5 di 6:

Aggiungere Profondità

  1. Improvvisa. Non vuoi che la tua canzone si riduca alla tua voce accompagnata da un pianoforte? Se è così, dovrai aggiungere profondità alla tua canzone elaborando ciò che hai già. Il modo più semplice per farlo è improvvisare. Ascolta la tua canzone e aggiungi elementi nei punti giusti.
  2. Collabora. Se la tua improvvisazione non basta, puoi farti aiutare da amici e colleghi musicisti.
  3. Utilizza la contro-melodia e l’armonia.Sono variazioni della melodia principale che puoi aggiungere alla canzone per darle una maggiore completezza. Puoi pensare a una contromelodia come a una melodia separata che riempia i vuoti lasciati dall’originale, e all’armonia come a qualcosa che lavori in concerto con la linea principale della melodia.
  4. Aggiungi percussioni e abbellimenti.Aggiungi ulteriori strumenti in sottofondo per dare alla tua canzone maggiore profondità. Puoi farlo aggiungendo la batteria, un piccolo quartetto d’archi, flauti o campanelli. le possibilità sono quasi infinite! Puoi anche aggiungere effetti sonori come il vento, un tuono o i suoni della strada. Assicurati che lo stile dei suoni che aggiungi si abbini bene allo stile della canzone.

Metodo 6 di 6:
Documentare e Registrare

  1. Scrivi la notazione a mano.Probabilmente vorrai scrivere la musica che stai componendo, così da poterla suonare ancora, soprattutto se vorrai farlo con altre persone. Un modo per farlo è scrivere la musica a mano. Per farlo, dovrai però conoscere un po’ di teoria musicale.

    • I lead-sheet sono una forma di spartito che includono solo le notazioni più semplici, solitamente la melodia e l’armonia. Sono usati comunemente nel jazz e nella musica improvvisata, oltre che da musicisti popolari che conoscono poco la teoria musicale.
  2. Usa un DAW (digital audio workstation – postazione di lavoro audio digitale). Si tratta di programmi per il computer specifici per compositori e tecnici del suono. Ti consentono di mixare e registrare la musica e hanno anche delle funzionalità in grado di scrivere la notazione musicale. Possono essere molto costosi, però, e dovrebbero essere presi in considerazione solo da musicisti professionisti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Informativa estesa sui Cookie I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all’interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell’Utente. Cookie tecnici e di statistica aggregata I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di maestroalessandro.it. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie: Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente; Cookie analytics, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima; Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di maestroalessandro.it e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo. Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati. Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell’Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l’ausilio di terzi. Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati. Commento dei contenuti I servizi di commento consentono agli Utenti di formulare e rendere pubblici propri commenti riguardanti il contenuto di maestroalessandro.it. Gli Utenti, a seconda delle impostazioni decise dal Titolare, possono lasciare il commento anche in forma anonima. Nel caso tra i Dati Personali rilasciati dall’Utente ci sia l’email, questa potrebbe essere utilizzata per inviare notifiche di commenti riguardanti lo stesso contenuto. Gli Utenti sono responsabili del contenuto dei propri commenti. Nel caso in cui sia installato un servizio di commenti fornito da soggetti terzi, è possibile che, anche nel caso in cui gli Utenti non utilizzino il servizio di commento, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui il servizio di commento è installato. Facebook Comments (Facebook, Inc.) Facebook Comments è un servizio gestito da Facebook, Inc. che consente all’Utente di lasciare propri commenti e condividerli all’interno della piattaforma Facebook. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy Interazione con social network e piattaforme esterne Questo tipo di servizi permettone di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di 3bmeteo. Le interazioni e le informazioni acquisite da 3bmeteo sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato. Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.) Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.) Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.) Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy Pulsante “Pin it” e widget sociali di Pinterest (Pinterest) Il pulsante “Pin it” e widget sociali di Pinterest sono servizi di interazione con la piattaforma Pinterest, forniti da Pinterest Inc. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy Pubblicità Questo tipo di servizi consentono di utilizzare i Dati dell’Utente per finalità di comunicazione commerciale in diverse forme pubblicitarie, quali il banner, anche in relazione agli interessi dell’Utente. Ciò non significa che tutti i Dati Personali vengano utilizzati per questa finalità. Dati e condizioni di utilizzo sono indicati di seguito. Alcuni dei servizi di seguito indicati potrebbero utilizzare Cookie per identificare l’Utente o utilizzare la tecnica del behavioral retargeting, ossia visualizzare annunci pubblicitari personalizzati in base agli interessi e al comportamento dell’Utente, rilevati anche al di fuori di maestroalessandro.it. Per avere maggiori informazioni in merito, ti suggeriamo di verificare le informative privacy dei rispettivi servizi. Google AdSense (Google Inc.) Google AdSense è un servizio di advertising fornito da Google Inc. Questo servizio usa il Cookie “Doubleclick”, che traccia l’utilizzo di maestroalessandro.it ed il comportamento dell’Utente in relazione agli annunci pubblicitari, ai prodotti e ai servizi offerti. L’Utente può decidere in qualsiasi momento di non usare il Cookie Doubleclick provvedendo alla sua disattivazione:google.com/settings/ads/onweb/optout. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy – Opt Out Remarketing e behavioral targeting Questo tipo di servizi consente a maestroalessandro.it ed ai suoi partner di comunicare, ottimizzare e servire annunci pubblicitari basati sull’utilizzo passato di maestroalessandro.it da parte dell’Utente. Questa attività viene effettuata tramite il tracciamento dei Dati di Utilizzo e l’uso di Cookie, informazioni che vengono trasferite ai partner a cui l’attività di remarketing e behavioral targeting è collegata. In aggiunta alle possibilità di effettuare l’opt-out offerte dai servizi di seguito riportati, l’Utente può optare per l’esclusione rispetto alla ricezione dei cookie relativi ad un servizio terzo, visitando la pagina di opt-out del Network Advertising Initiative. Facebook Remarketing (Facebook, Inc.) Facebook Remarketing è un servizio di Remarketing e Behavioral Targeting fornito da Facebook, Inc. che collega l’attività di maestroalessandro.it con il network di advertising Facebook. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy – Opt Out Statistica I servizi contenuti nella presente sezione permettono al Titolare del Trattamento di monitorare e analizzare i dati di traffico e servono a tener traccia del comportamento dell’Utente. Google Analytics con IP anonimizzato (Google Inc.) Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”). Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo di maestroalessandro.it, compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google. Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario. Questa integrazione di Google Analytics rende anonimo il tuo indirizzo IP. L’anonimizzazione funziona abbreviando entro i confini degli stati membri dell’Unione Europea o in altri Paesi aderenti all’accordo sullo Spazio Economico Europeo l’indirizzo IP degli Utenti. Solo in casi eccezionali, l’indirizzo IP sarà inviato ai server di Google ed abbreviato all’interno degli Stati Uniti. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy – Opt Out Monitoraggio conversioni di Google AdWords (Google Inc.) Il monitoraggio conversioni di Google AdWords è un servizio di statistiche fornito da Google Inc. che collega i dati provenienti dal network di annunci Google AdWords con le azioni compiute all’interno di maestroalessandro.it. Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo. Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy Utilizzo da parte di minori Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare maestroalessandro.it solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore. Come posso controllare l’installazione di Cookie? In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l’Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all’interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all’installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer. In caso di servizi erogati da terze parti, l’Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di opt out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa. Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento. Titolare del Trattamento dei Dati DiMilloMusica di Alessandro Di Millo – via g.marconi, 15 – 65024 Manoppello PE Indirizzo email del Titolare: info@maestroalessandro.it Dal momento che l’installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all’interno di maestroalessandro.it non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento. Vista l’oggettiva complessità legata all’identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l’Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all’utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito. Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento. Definizioni e riferimenti legali Dati Personali (o Dati) Costituisce dato personale qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale. Dati di Utilizzo Sono le informazioni raccolte in maniera automatica da maestroalessandro.it (o dalle applicazioni di parti terze che maestroalessandro.it utilizza), tra le quali: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall’Utente che si connette con maestroalessandro.it, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all’itinerario seguito all’interno dell’Applicazione, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’Utente. Utente L’individuo che utilizza maestroalessandro.it, che deve coincidere con l’Interessato o essere da questo autorizzato ed i cui Dati Personali sono oggetto del trattamento. Interessato La persona fisica o giuridica cui si riferiscono i Dati Personali. Responsabile del Trattamento (o Responsabile) La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal Titolare al trattamento dei Dati Personali, secondo quanto predisposto dalla presente privacy policy. Titolare del Trattamento (o Titolare) La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali ed agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza, in relazione al funzionamento e alla fruizione di maestroalessandro.it. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il proprietario di maestroalessandro.it. maestroalessandro.it Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti i Dati Personali degli Utenti. Cookie Piccola porzione di dati conservata all’interno del dispositivo dell’Utente. Riferimenti legali Avviso agli Utenti europei: la presente informativa privacy è redatta in adempimento degli obblighi previsti dall’Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonché a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Questa informativa privacy riguarda esclusivamente 3bmeteo. Ultima modifica: 20 Luglio 2017

Chiudi